Alimentazione del cane: parte 1

Condividi questa pagina se ti piace...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someoneShare on TumblrShare on Reddit

…. Ah, io gli do delle crocchette di marca perché gli piacciono di piú e sono EC..CEZ..ZIO..NALI!

Questa é la risposta piú frequente che ascolto quando porgo la domanda:

..ma cosa mangia il tuo cane?

Certamente a prima vista, nulla di sbagliato sul cibo del quadrupede anzi un un fregio di prestigio con quel ”di marca”, ma proviamo ad analizzare un pó piú profondamente l’argomento.

Partiamo dicendo che ho sempre avuto cani (molti) di stazza ”35 chili con l’osso” e, come sappiamo tutti, i cani grossi sono normalmente quelli che ci lasciano prima.

Ebbene, vi posso garantire due cose:

Primo: che sono campati tutti fino alla veneranda etá di 14/15 anni; tutti tranne uno che morí di una leishmaniosi contratta in Italia prima dell’acquisto e sconosciuta completamente (a quei tempi) da me o dai veterinari svedesi.

Secondo: che ho cacciato con soddisfazione con loro fino a 11/12 anni ( certo non avevano più il ”turbo” ma compensavano comunque bene con l’esperienza!)

Come mai mi sento dire cosí spesso: … se ne andato quando era vecchio … a 9 anni.

….Vecchio! … ma insomma signori! Magari anzianotto, ma vecchio?

E perché quando domando la causa del decesso quasi sempre mi sento dire: … un tumore (alias cancro ma in genere si preferisce evitare quella parola terribile!), … sai hai cani vecchi vengono sempre tumori!

Perché, dico io, hai miei non sono mai venuti questi tumori e se ne sono andati solo quando il corpo era cosí vecchio che non ce la facevano piú ad alzarsi?

Fortuna? ..ma, quando il fatto si applica su tutti i miei cani, mi sempra un po tirata come semplice coincidenza.

Dunque vediamo se riuscimo a capire perché la maggioranza dei nostri ausiliari ci lascia cosí precocemente e quasi sempre per lo stesso motivo; tumori alias cancro.

Per iniziare incominciamo con una panoramica su cosa siano ”le crocchette”

(Gli interessati si possono documentare in rete leggendosi una ricerca scientifica sui pericoli celati nelle ”crocchette” www.drdougknueven.com)

Se ne trovano di pollo (per stomachini delicati), di manzo o di maiale ( non per i cani mussulmani), ci sono con riso, pasta o vegetali, ci sono quelle americane (costosissime naturalmente) e ci sono le francesi, poi, per i nazionalisti, c’é anche il ”made in Italy”.

Lasciamo perdere le bandiere in quanto comunque tutti tirano a guadagnare senza scrupoli o ripensamenti, ma il fatto é, signori miei, che bisogna documentarsi attentamente per capire cosa c’é insieme a questi ingredienti e cosa succede quando vengono preparati.

Sulla nostra alimentazione ci sono severi controlli di qualitá che ci proteggono (…mmm, almeno dovrebbero!) ma in quella dei cani? ..o dei gatti e degl’altri animali?

Intanto sappiate che, dopo una indagine della UNRIC (ente statistiche nazioni unite), é stato accertato il seguente:

nel mondo oltre il 50% dei cani non ”randagi” muore prima del decimo anno d’etá per cancro.

Processi di disidratazione ed essiccazione, aggiunte di aromi e conservanti inibiscono il potere delle proteine naturali, proteine che dovranno essere aggiunte in un secondo tempo in quanto altrimenti il cane crepa di fame!

Si! Certo! Bravi! .. ma sono proteine artificiali e quindi create chimicamente in laboratorio e, questo non é scritto nelle indicazioni, non verranno comunque riconosciute come tali (proteine) dal sistema di metabolismo del nostro cane.

Il cane sbaffa tutto e si nutre, ma il suo sistema, pensando erroneamente il contrario, cercherá di supplire a questa falsa carenza alimentare producendo in eccesso enzimi che, oltre non essere necessari (infatti il cane in realtá non sta muorendo di fame!), creano gravosi sovraccarichi su organi importanti come il fegato e i reni.

Ma la cosa piú grave e che questi enzimi confondono il sistema immunitario del quadrupede favorendo la sopravvivenza a un tipo di cellule ”mutate”; cellule che essendo anomale, avranno una altissima probabiltá di, ”agganciate” a qualche organo vitale, generare ….indovinate in po? L’inizio del famoso ”cancro”.

Ed ecco che ci riallacciamo alla affermazione: ” …Si! sai hai cani vecchi vengono sempre tumori”

CONTINUA….

Condividi questa pagina se ti piace...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someoneShare on TumblrShare on Reddit

Lascia un commento